La Suzuki vuole continuare a crescere

01 febbraio 2021 16:09:53 CET

La Suzuki vuole confermarsi dopo un'ottima stagione, la casa di Hamamatsu negli ultimi anni è riuscita a migliorare sotto tanti aspetti e ora l'obiettivo è rimanere in alto.

Joan Mir e Alex Rins sono reduci da un'ottima stagione. Nel 2020 l'affidabilità è stata senza dubbio il punto di forza della Suzuki, Mir è riuscito ad aggiudicarsi il titolo nonostante una sola vittoria all'attivo.

Abbiamo lavorato duramente e uno dei più grandi miglioramenti è arrivato tra il 2017 e il 2018.

Sylvain Guintoli

Il pilota francese, Sylvain Guintoli, che dal 2017 ricopre il ruolo di collaudatore della Suzuki, in una recente intervista ha spiegato i motivi che hanno permesso alla casa di Hamamatsu di arrivare così in alto.

Questo un passaggio delle dichiarazioni rilasciate da Guintoli al sito ufficiale Suzuki: "Abbiamo lavorato duramente e uno dei più grandi miglioramenti è arrivato tra il 2017 e il 2018. Il motore era molto migliorato. Tutti gli strumenti messi in atto per cercare di contrastare quel problema erano davvero utili, perché avevamo fatto un'immersione profonda nella moto. Questo ci ha permesso di capire ancora di più la GSX-RR. Dopo di che è stata tutta una questione di piccoli passi: aerodinamica, freno motore, stabilità".

Mir è determinato a difendere il titolo conquistato la scorsa stagione, il pilota di Palma di Maiorca nel Campionato 2020 ha totalizzato 171 punti e in sette occasioni è riuscito a piazzarsi sul podio.

Rins ha concluso il campionato scorso al terzo posto con 139 punti, il pilota catalano nel 2020 ha conquistato una vittoria, mentre in totale sono stati 4 i podi centrati da Rins nella scorsa edizione del Motomondiale.

Guarda tutte le altre scommesse di Motociclismo